VUOI DIVENTARE UN LEADER? PULISCI GLI SPOGLIATOI

James Kerr scrive: “Pulisci gli spogliatoi. Non sentirti mai troppo grande per fare le cose piccole”.

Nel suo libro “Niente teste di cazzo” il coach e scrittore ci dà una lettura della leadership attraverso l’analisi del comportamento di ciò che accade all’interno di una squadra di successo: quella degli All Blacks, i mitici rugbisti neozelandesi.

 

 

Tra i quindici punti citati come essenziali, oltre a carattere, responsabilità e autenticità, sostiene che un leader deve imparare.

“L’eccellenza è un processo fatto di apprendimento cumulativo e di miglioramento incrementale. I leader di successo guardano oltre il proprio campo per scoprire nuovi approcci, imparare pratiche migliori e spingere oltre i limiti. Poi trasferiscono quello che hanno appreso.”

In effetti, in base a quanto ho potuto constatare in 27 anni di lavoro (17 da dipendente, 10 da libero professionista) i migliori leader che ho incontrato sono quelli che non hanno mai smesso di imparare, con quella sana dose di umiltà utile a saper poi dispensare agli altri la conoscenza acquisita.

Forse è proprio questo il segreto della leadership gentile della quale   si parla da qualche tempo: apprendimento + umiltà per poter arrivare al WHANAU.

Si tratta di una parola maori che in origine significa nascere o generare; per poter raggiungere questo status è necessario che tutta la squadra si muova nella stessa direzione e progredisca. Ecco cosa significa “Niente teste di cazzo”: volare in formazione con un’unica mente. Nessuno vince da solo perché una mentalità egoistica infetterà l’intero collettivo.

Per lo stesso motivo, da anni, quando le aziende mi contattano per un corso sulla leadership per prima cosa parlo di squadra. Perché non ha senso parlare di “guida” se non hai chi ti segue. Ma soprattutto perché, nella squadra, ho imparato che ogni compito è importante, anche pulire gli spogliatoi. Perché la pulizia permette l’ordine e soprattutto favorisce il rispetto dell’ambiente in cui le persone si muovono. Pulire gli spogliatoi significa essere responsabili. Pulire gli spogliatoi significa essere umili. Ma è saper quando pulirli che fa di una persona un leader.

Whanau, niente teste di cazzo.